Room as a Service: ecco come sarà il tuo ufficio domani

Il modern workplace è in continua trasformazione, l’ufficio di domani è destinato ad adattarsi velocemente ai cambiamenti repentini portati dal lavoro ibrido e dalla digital transformation. Il room as a service è l’opportunità per evolverci e per non lasciarci travolgere dai black swan.

Nonostante tutta la tecnologia di cui disponiamo oggi, nelle aziende è ancora difficile trovare uno standard che renda l’ambiente lavorativo a misura d’uomo. Vero che ogni realtà ha le sue esigenze in base alla produttività, alla modalità lavorativa dei team, alle attività; per mantenere inalterato il benessere delle persone e il business continuous, ogni spazio dovrà essere pensato e strutturato secondo le necessità di tutti.

L’ufficio di domani è room as a service

Quando si parla di room as a service non ci si riferisce all’ufficio del futuro come spazio fisico, ma come ecosistema, dove persone, ambienti e tecnologie collaborano per dare vita a relazioni professionali e personali e alla contaminazione di idee. Gli spazi sono al servizio delle persone e si adattano a quelle che sono le esigenze del momento, al bisogno appunto.

Il benessere è sempre più radicato nella vita professionale degli individui e l’intreccio tra salute e luogo di lavoro è diventato importante, soprattutto con l’emergenza sanitaria. HR manager e Facility Manager devono portare in azienda quella consapevolezza che il benessere in ufficio non è più solo un vantaggio competitivo o un modo per attirare talenti, è un dato di fatto.

Avere un ufficio room as a service è la strada giusta per migliorare la produttività e la felicità dei dipendenti, poiché ognuno riesce a ritagliare il suo momento nell’ambiente perfetto per l’attività da portare a termine, o per l’obiettivo da raggiungere, anche in remote working, avendo le tecnologie giuste per farlo.

La soluzione per la corretta gestione degli spazi in ufficio e delle sale riunioni

Qual è la percezione che hai dell’ufficio in cui trascorri la tua giornata lavorativa? È uno spazio concepito per venire incontro alle tue esigenze? Secondo alcuni studi il luogo di lavoro condiziona il benessere del lavoratore, per questo il room as a service è davvero la soluzione per l’ufficio di domani e per gli spazi aziendali, soprattutto per le sale riunioni del futuro.

Purtroppo, nell’era dell’ufficio ibrido, del remote working e dello smart working molte aziende non sono in grado di supportare le proprie persone nello scambio aperto di idee o di garantire loro la tecnologia migliore per mantenere alta la produttività e viva la collaborazione tra team in sede e dislocati. L’ufficio del futuro invece avrà necessità di creare situazioni adattabili a qualsiasi persona, indipendentemente dal luogo di lavoro e dalla modalità adottata a partire dalle sale riunioni, fino ad arrivare alle sale per videoconference e software di collaborazione adatti alle esigenze di remote worker expert e personale in ufficio.

Ufficio del futuro: quali caratteristiche?

Il lavoro ibrido è qui per restare, molti dipendenti in seguito all’emergenza sanitaria richiedono un accordo flessibile che garantisca la possibilità di lavorare da remoto e raggiungere l’ufficio solo in caso di reale necessità. Secondo un sondaggio Ranstad (https://rlc.randstadusa.com/for-business/learning-center/future-workplace-trends/next-normal-workforce-trends) negli Stati Uniti sono oltre il 54% di 1200 intervistati a prediligere il remote working oggi.

Ecco che il room as a service diventa necessario per fare in modo che l’ecosistema azienda funzioni in maniera fluida, e tutte le persone abbiano un luogo da raggiungere ed uno spazio dove lavorare, ricevere clienti, organizzare meeting e gestire eventi in videoconferenza senza creare intralcio ai colleghi, evitare affollamenti e problemi di turnazione.

Se nella tua azienda la trasformazione a hybrid workplace non è ancora avvenuta, tieni a mente che l’ufficio del futuro dovrà cambiare e dovrà farlo in direzione delle persone. I manager devono prepararsi a implementare una nuova cultura aziendale che:

  • supporti l’arrivo in azienda di persone esterne e garantisca loro uno spazio in cui lavorare e la prenotazione di sale riunioni, room as a service;
  • progetti gli spazi per favorire la collaborazione e la connessione dei dipendenti;
  • metta a disposizione strumenti e tecnologie per unificare la comunicazione in cloud e migliorare le riunioni virtuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *